ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




jueves, 25 de agosto de 2011

Agostino - Mauro Bolognini (1962)


TÍTULO Agostino
AÑO 1962 
SUBTITULOS Español (Separados)
DURACIÓN 90 min.
DIRECTOR Mauro Bolognini
GUIÓN Goffredo Parise, Mauro Bolognini (Novela: Alberto Moravia)
MÚSICA Carlo Rustichelli
FOTOGRAFÍA Aldo Tonti (B&W)
REPARTO Paolo Colombo, Ingrid Thulin, John Saxon, Mario Bartoletti, Aldo Bussaglia, Roberto Mancia, Franco Schiorlin, Gennaro Mesfun, Renato Terra
PRODUCTORA Baltea Film / Dino de Laurentiis Cinematografica
GÉNERO Drama

SINOPSIS Adaptación de la famosa novela de Alberto Moravia, en la que un muchacho, cada vez más curioso e inquieto en cuanto a la sexualidad se refiere, pasa las vacaciones con su madre. (FILMAFFINITY)




Agostino (La perdita dell'innocenza)
Da un famoso romanzo di Moravia, un film da rivalutare

Un ragazzo morbosamente affezionato alla madre cerca evasione da questo sentimento prima nella compagnia di alcuni scapestrati, poi in quella di una ragazza facile. Respinto e sconvolto, ma diverso, torna dalla madre. Dal famoso romanzo di Moravia.



Il crollo dell'innocenza di un ragazzo tredicenne, in vacanza estiva al Lido di Venezia, a contatto con la realtà: la madre vedova, ancora bella e corteggiata da un giovanotto, e una banda di ragazzi rissosi capeggiati da un bagnino omosessuale. La sua innocenza è doppia: non sa nulla del sesso né delle classi sociali: "I ragazzi gli fanno scoprire ... con dolore e lacerazione ciò che Marx e Freud dimostrano nei loro libri: che in fondo ai rapporti sociali e ai rapporti familiari non c'è innocenza" (A. Moravia). Da un romanzo (1945) di Moravia, ambientato a Viareggio negli anni '20, sceneggiato con Goffredo Parise, Bolognini ha tratto un film che fu un insuccesso di pubblico e di critica, ma che meriterebbe una rivalutazione se qualcuno si desse la pena di riproporlo in qualche retrospettiva o sui teleschermi dove non è mai passato. Come nel romanzo, la sostanza del film – uno dei meno morbidi e più rischiosi del regista toscano – è cruda e violenta, ma la sgradevolezza della materia non ottunde la sapienza delle sfumature e la sottigliezza delle allusioni.
http://cinema-tv.corriere.it/film/agostino-la-perdita-dell-innocenza/05_38.shtml

4 comentarios:

  1. Deleted File...
    ¿Sería usted tan amable de poner de nuevo? gracias

    ResponderEliminar
  2. pelicula que en mi guardo una muy buena inpresion

    ResponderEliminar